Archivi del mese: agosto 2018

primi passi sulla via Balcanica. A Konispol, dove la via Dalmata-Illirica incontra la Via Egnatia

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Eventi

Poesia afgana

a 99 anni dall’indipendenza dell’Afghanistan

(19-08-1919)

Domenica 19 Agosto dalle ore 15.00

Incontro all’Hospitale di San Tomaso di Majano 

poesia afgana

No, la storia non torna indietro, ma conoscenze, vie e relazioni antiche possono essere riprese

dedicata a Jay e a Lauren

Jama al-din Rumi (poeta di origine afgana, XIII sec.): “Tu pensi di essere vivo, perché respiri? Vergognati, sei vivo in un modo così limitato. Non vivere senza Amore, così non ti sentirai morto. Muori per Amore e rimani in vita per sempre.” 

ore 19.00 cena afganaofferta libera

È gradita la Prenotazione

Info: amicidellhospitale@gmail.com

https://hospitalesangiovanni.wordpress.com/    cell. 328 821347

****

1 Commento

Archiviato in Eventi

Jay e Lauren

http://www.lonelyplanetitalia.it/articoli/ciclisti-uccisi-isis-tajikistan

Sulla Via della Seta. Un ciclista lungo la Pamir Highway, Tajikistan. © Luigi Farrauto/Lonely Planet Italia

Domenica 29 luglio, a circa 60 chilometri a sud della capitale del Tagikistan Dushanbe, 4 ciclisti (due americani, uno svizzero e un olandese) sono morti in un attentato, poi rivendicato dall’ISIS. Lo stesso giorno, il nostro autore Luigi Farrauto, si trovava nello stesso tratto di strada, lungo il suo percorso dal Tajikistan a Hong Kong sulla la Via della Seta. Per quel bisogno condiviso di vedere il mondo, di solcarlo e di capirlo, Luigi ha scritto un articolo, in memoria di Lauren e Jay, che da 369 giorni giravano il mondo in mountain bike. Per ricordarci che la paura non può vincere contro la curiosità e il bisogno di comprendere l’altro che chi viaggia porta con sé.

Jay scriveva nel suo blog che il mondo era un posto meraviglioso. Il colore della pelle, la religione, una cultura prettamente diversa che incontravano ogni giorno, non li ostacolavano nel ricevere una gradita ospitalità dove dormire per qualche notte ed avere un buon pranzo da condividere. La maggior parte delle persone sono buone anche se a volte egoisti e miopi, continuava a scrivere Jay. In poco più di un anno di viaggio, i due giovani ragazzi non hanno mai incontrato nessun tipo pericolo durante le loro piacevoli ed impegnative passeggiate in bicicletta anche se, come in questo caso, Jay e Lauren erano consapevoli che viaggiando le tragedie possono essere sempre dietro l’angolo. Ogni giorno muoiono persone a causa del terrorismo e della malvagità che ci avvolge, capita in tutto il mondo, dal cuore pulsante dell’Occidente ai paesini dimenticati da Dio ma non perché si viaggia, semplicemente perché la vita è questa.

La pace e la Vita non sono garantiti. Ma tutto ci dice che fine e principio coincidono e anche il maestro del sospetto lo sa.

Hanno creduto nell’incontro della diversità e hanno lasciato pagato il conto anche per noi, come Giulio e pure Pasqualina. La posta in gioco è altissima è quella finale, definitiva. Anche il conto pagato è il più alto. D’altra parte c’è il rischio di morire sempre e c’è la possibilità di scegliere la vita a costo della morte. C’è la scelta di opportunità che ti salva la vita fisica e c’è la possibilità di scegliere quell’amore verità e vita rischiando di perdere quella fisica. E’ sempre quello il problema. Quella di Padre Paolo Dall’Oglio è stata una scelta lucida, quello del corpo, della vita fisica è il problema minore.

Loro hanno vinto oppure ha vinto chi li ha uccisi. Loro hanno vinto oppure ha vinto chi dice che bisogna restare tutti a casa. Ha vinto la vita e l’amore oppure la paura. Qualcuno dice che potevano restare a casa ma lo stesso varrebbe allora per tutti i nostri martiri per la libertà, per l’uguaglianza, per il lavoro, per la conoscenza, per la speranza, varrebbe per tutti i nostri santi. Anche Jay e Lauren sono martiri per la civiltà e per la fratellanza dei popoli.

“Chi perderà la sua vita (per quell’Amore incondizionato), vivrà per sempre. “Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà”. Mt16

grazie Jay e Lauren non sarete dimenticati

https://it.blastingnews.com/cronaca/2018/08/jay-e-lauren-terroristi-infrangono-il-sogno-dei-viaggiatori-in-bicicletta-002678243.html

Lascia un commento

Archiviato in Eventi