Archivi del mese: luglio 2019

La Via di Padre Paolo 2019

Oggi 29-07-2019 sono sei anni dal rapimento di padre Paolo Dall’Oglio. Restiamo in attesa. Ovunque sia possa sentire tutta la grazia del Signore.

 

Venerdì 2  Agosto

dalle ore 17.30

e Sabato 3 Agosto dalle ore 9.00

incontro all’Hospitale di San Tomaso di Majano

la Via di Padre Paolo Dall’Oglio

per il Cammino di Abramo

giornata dedicata alla cultura araba siriana,

Con Viviana Schiavo, Elisabetta Bondavalli, Monica Diplotti, e altri ospiti.

(clicca)

Mar Musa -Mar Tuma 2019 

Info: amicidellhospitale@gmail.com

https://hospitalesangiovanni.wordpress.com/    cell. 328 821347

****

Domenica 18 Agosto dalle ore 15.00

Incontro all’Hospitale di San Tomaso di Majano

 

La Via di Bactra

Aquiloni e poesie

segue invito

****

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Eventi

Cammino di San Tommaso – Iraq 2019

https://photos.app.goo.gl/Eg1t7PZyzXwsjdsJA

 

 

Via di San Tommaso Iraq 21-07- 2019

Sulla via dell’apostolo Tommaso 2019

figura chiave tra cristianità orientale e occidentale

A Ninive, San Tommaso ritrovato

la chiesa più antica, sorta dove la tradizione ricorda la sosta dell’Apostolo e il suo viaggio a Oriente, dopo l’isis, è stata riconsacrata il 3 luglio 2019

 incontro con la comunità di Marango (Ve) con

 don Giorgio Scatto e Cristina Santinon

 da sei anni la comunità di Marango (Ve) porta aiuti alla Comunità

cristiana irachena, quella più antica che prega ancora nella lingua di Gesù.

Dopo l’Isis, ora, nonostante la ricostruzione, rischia di scomparire per sempre

21 Luglio 2019 Ore 17.45

 ALL’HOSPITALE DI SAN TOMASO DI MAJANO (UD)

amicidellhospitale@gmail.com  https://hospitalesangiovanni.wordpress.com/ cell. 328 8213473

Lascia un commento

Archiviato in Eventi

La via di Giulio

La verità per Giulio in parte è nota. Le indagini effettuate sulla spinta della forte richiesta di verità e giustizia hanno consentito di farsi un’idea di ciò che gli è successo. Non ci sono neanche le parole per raccontare l’orrore. Scambiato per una spia come molti altri è stato torturato a morte, più degli altri, per più di otto giorni. La mamma lo ha riconosciuto solo dalla punta del naso. La vita di un giovane vale poco da quelle parti. E dalle nostre parti?

Hanno provato ad accusarlo di ogni cosa, fino a dover ammettere, con le parole del procuratore generale della giustizia egiziano, che Giulio era veramente un autentico, speciale uomo di pace.

E’ il simbolo dei giovani (e non) che accettano la sfida di quel tratto di storia che li riguarda e la percorrono attraverso la formazione, la fiducia, la conoscenza, la relazione vicino e lontano, spinti dalla passione, dalla vita.  Se non possiamo parlare più di lui è una sconfitta per tutti. Non è l’unico, ma siamo sulla sua via e lui abbiamo incontrato. Non possiamo aspettare di commemorarlo tra vent’anni, è importante tener conto del suo cammino adesso.

Quali erano i suoi progetti? Diritti umani, cura sociale, incontro della diversità, dialogo interreligioso: questo sembra essere il Cammino di Giulio. È arrivato al superamento del “Noi e Loro”, ci ha provato a livello locale e poi internazionale, a vent’anni. Per questi progetti, in certi periodi della Storia, come questo, la vita da vivere non basta. Gli è stato chiesto di più. E il suo sacrificio non sarà sprecato, darà frutti, se la sua speranza non resterà in un cassetto, se verrà raccolta. Il suo cammino può proseguire. Il conto lo ha già pagato lui.

Non è l’unico, altri hanno sentito la vocazione a dedicarsi a qualsiasi costo nella direzione ostinata “verso l’Altro”, curiosi ed empatici, un’empatia priva di filtri e protezioni, in grado di immergersi completamente nel dolore altrui senza risparmiarsi. sapevano che dovevano capirlo fino in fondo quel dolore per poter poi essere davvero d’aiuto. Parliamo di Vittorio Arrigoni per esempio e di Padre Paolo Dall’Oglio. E’ una vocazione, la senti? O c’è o non c’è.

E quando vivi alla croce dei venti lo sai che può succedere, lo sai. Fine e inizio si sfiorano. La morte vale la vita.

 “Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà”. Mt 10.39

“Tu pensi di essere vivo, perché respiri? Non vivere senza Amore, così non ti sentirai morto. Muori per Amore e rimani in vita per sempre.”          Rumi (poeta afgano, XIII sec.)

Come dice papa Francesco, “il mondo dice beati i furbi, ma il Vangelo dice beati i puri di cuore. Questa via sembra portare alla sconfitta, ma i martiri portano la palma della vittoria: hanno vinto loro, non il mondo”.

La posta in gioco è alta, è quella finale, definitiva. Il superamento del “noi e loro” tra est e ovest, tra sud e nord, tra le religioni, le culture. Ha vinto la vita e l’amore oppure la paura. Ha vinto lui oppure ha vinto chi dice “restate in casa”. Potevano farlo anche tutti i martiri per la libertà, per l’uguaglianza, per il lavoro, per la conoscenza, per la speranza. Anche Giulio è martire per la civiltà e per la cura dell’altro.

La verità di Giulio? È la bellezza di essere autentici ed appassionati costruttori di ponti. E nessuno mai la potrà cambiare.

Giulio è diventato il simbolo mondiale di tanti ragazzi spariti nel nulla a causa della loro vocazione alla giustizia e all’uguaglianza. L’opera dei suoi genitori e il supporto della comunità hanno fatto la differenza. Per questo, proprio lui tra tanti. Perché è più comodo disincarnare i problemi del mondo e parlarne in generale, magari “al passato” aspettando qualche anno, in modo da ricavarne un’altra giornata della memoria. Invece i problemi del mondo sono fatti di persone di sangue che scorre adesso e per questo devono essere affrontati al presente superando la repulsione che abbiamo per la sofferenza e la miseria soprattutto quella scandalosa delle persone che ci sono giunte vicino che ci sfiorano come fantasmi, è difficile guardarle, ascoltare le storie, guarire le ferite. È più facile ma inutile parlarme in generale in termini geopolitici, storici. Ma è lì davanti a te! Oppure possiamo vivere comodamente in differita, attraverso il video una realtà disincarnata.

 

Lascia un commento

Archiviato in Eventi